20 Maggio 2022

Quarto episodio di Everything Is Emo

Leggi la traduzione del quarto episodio "Il ritorno" di Everything is Emo, podcast di Hayley Williams.

Oggi è uscito il quarto episodio di Everything is Emo, nuovo podcast di Hayley Williams per BBC Sounds. L’episodio si intitola “Il ritorno”. 

“Ho dovuto mettere la versione MTV Unplugged della canzone perché in realtà ho scoperto i Dashboard Confessional mentre guardavo MTV per caso, mentre stavo facendo la babysitter. Mia madre ed io eravamo al verde: avevo 12 anni e avrei accettato alcuni dei suoi lavori extra da babysitter che non poteva fare, perché stava facendo altri lavori da babysitter e altre cose. E mi sono addormentata sul divano e mi sono svegliata con MTV ancora in tv, e c’era questa band che non avevo mai visto o sentito prima. C’era questa folla di persone che mi somigliava molto, e cantavano tutti insieme appassionatamente come se scrivessero loro stessi le canzoni. Non avevo mai visto niente del genere. Lo attribuisco davvero alla mia prima esperienza sulla scena. La scena emo, la scena underground, la scena musicale indie, come vuoi chiamarla. Sono stata catturata dall’inizio. Non avevo mai pensato al fatto che c’erano altre band e artisti che non conoscevo, perché fino a quando non mi sono trasferita a Nashville ero solo una ragazzina nel Mississippi che ascoltava la radio e qualunque musica fosse trasmessa alla radio erano solo le cose più popolari. Associo tutto a questa notte da babysitter. Mi ha cambiato. Quindi, se non hai sentito il MTV Unplugged con i Dashboard Confessional, vai ad ascoltarlo. Tutti i concerti Unplugged sono davvero speciali, ma questo occupa un posto davvero speciale nel mio cuore.

Entriamo nel perché ho scelto la playlist di questa settimana. Il tema è il ritorno: un sacco di band che o sono tornate da una grande pausa o forse sono tornate più forti con un album. Sento che i Paramore sono tornati con ogni album perché tra ogni album abbiamo sempre pensato che ci saremmo separati. È soggettivo, ma questa playlist è pesante, spero che tu sia pronto”.

“Questa era Anywhere With You dei Save The Day dal loro album In Reverie. Questo è un ottimo esempio di come si intersecano il rock alternativo moderno e il pop punk nella scena emo. Questa è una delle loro canzoni che più si avvicina ai Weezer. I Weezer erano una band che, se avessi cercato Emo su Google in passato, avresti avuto come risultato una foto di Rivers a causa dei suoi occhiali dalla montatura spessa. I Saves the Day erano incredibile perché erano capaci di scrivere. Fondamentalmente scrivevano canzoni pop, ma erano come una pietra miliare per la musica punk, pop punk ed emo della West Coast, tutti riuniti in una cosa sola. 

“È stato piuttosto difficile scegliere una sola loro canzone. Ma li stavo ascoltando ed è arrivata Anywhere With You e ho pensato, ‘dev’essere questa. Le chitarre nel ritornello, le sue melodie e i testi irriverenti sono come l’epitome dell’emo per me’”.

“Abbiamo ricevuto questa email da Chris Laurel. Ha 28 anni. Viene da Los Angeles e questo è quello che ha detto. “Ciao, Hayley e il team della BBC. Mi è piaciuto molto il tuo primo episodio. Quando ho sentito che c’era la possibilità di inviare alcune richieste, ho avuto le vertigini. Sono cresciuto a South O.C., in California, e non mi sono appassionato alla musica emo fino all’età di 18 anni. Questo è stato quando il revival emo ha ripreso potere intorno al 2012, e le band attive negli anni Novanta stavano circolando tra quelle giovani come gli American Football, Jawbreakers, Sunny Day Real Estate. Poi ho iniziato ad ascoltare nuove band che hanno preso influenza da queste band degli anni Novanta come Algernon Cadwallader. Potrei andare avanti all’infinito. Se potessi suonare qualcosa da una di queste band, sarebbe fantastico. Chris”. Potresti insegnarmi molte cose che non so da questa piccola e-mail che hai inviato. Grazie mille. Stiamo cercando di scoprire questo genere insieme perché è molto vasto. Ci sono così tanti segmenti della sottocultura chiamati emo, ed è davvero eccitante riuscire a farlo con voi ragazzi. E in realtà, gli American Football sono in shuffle per questo episodio. Questo album, LP2, è uno dei miei album emo preferiti di tutti i tempi. È sdolcinato, ha chitarre twinkly, testi che ti spezzano il cuore, ha tutto. Vediamo che canzone esce fuori. 

“È davvero bella questa. Non ce n’è una non bella in questo disco. Si chiama I Need A Drink (or Two or Three). Amo così tanto questa band. Mi son iniziati a piacere troppo tardi per vedere i concerti e per essere parte del loro primo album. Ma dopo una pausa di 15 anni, sono tornati con LP2 dal nulla. E ricordo di essermi seduta sul divano dell’Airbnb dei ragazzi perché eravamo Los Angeles a registrare After Laughter e stavo parlando con il nostro amico AJ che era un videografo e registrava molte delle cose che stavamo facendo in studio. E io ero tipo, ‘Oh mio Dio, gli American Football hanno appena fatto uscire un nuovo album’. Era tipo, ‘Cosa?!’, non potevamo crederci! Ed era anche così bello. Era come se il tempo non fosse passato, ma era anche come se in qualche modo fossero migliorati ancora”. 

“Questa era Reinventing Your Exit dei Underoath. Quanto tempo abbiamo? Perché sento come se potessi parlare dei Underoath per sempre. Gli Underoath hanno in qualche modo cambiato il corso dell’influenza della nostra band e quello che stavamo cercando dai primi giorni, specialmente come band della Fueled By Ramen. Ad esempio, non ci sentivamo completamente inseriti nel mondo del pop punk quando abbiamo firmato con Fueled By Ramen, ma non eravamo nemmeno una band metal. Non eravamo una band hardcore. Eravamo nel mezzo da qualche parte. E penso che questo disco fosse perfetto per noi in quel momento perché era principalmente melodico, ma era comunque heavy e si poteva ancora capire la loro influenza metal. Ovviamente hanno continuato a realizzare innumerevoli altri album davvero incredibili. Questa band è molto sottovalutata. Se non hai ascoltato Define the Great Line, ti esorto a farlo dopo questa puntata. Per favore, finisci prima di ascoltarmi, grazie. Ci hanno ispirato molto, sono stati davvero gentili con noi al Warped Tour. Ricordo che a Timothy piaceva lasciarmi sul retro di uno scooter così potevamo andare tutti insieme a Taco Bell. Erano amici per noi, e non lo dimentico mai. Ma questo album, per me, è stato l’inizio del mio amore per gli Underoath e ho dovuto includerli perché per quanto siano fondamentalmente una band metal ora, li adoriamo. I loro concerti influenzano il modo in cui i Paramore organizzano uno spettacolo come nessun’altra band nella scena in quel momento”. 

“Una nuova canzone che voglio condividere oggi è di un artista chiamata Tomberlin. Amo la loro musica. E mi è davvero venuta voglia di includere questa canzone in questa playlist, anche se non sono così sicura che si adatti al tema. Tomberlin è un’artista della Saddle Creek Records. Ci sono così tanti grandi artisti della Saddle Creek. È proprio come un hub per musica davvero fantastica, e mi sembra che sia un’etichetta del Midwest che è stata davvero importante per il mondo indie e in cui il mondo emo e indie si incrociano e si interseca l’uno con l’altro. Tomberlin ha un nuovo album in uscita. Questa canzone si chiama A Happy Accident e la amo così tanto. Non vedo l’ora di ascoltare l’album completo. Fatemi sapere cosa ne pensate”.

Torniamo al nostro album in shuffle LP2 dei American Football. Oh, è uscita I’ve Been So Lost For So Long. Questo album è così bello per così tante ragioni. È solo uno di quegli esempi quando penso agli album che mi hanno davvero aiutata a superare situazioni, come se una canzone potesse semplicemente portarti fisicamente attraverso qualcosa di impossibile. LP2 è per me questo, e alla fine sono stato inclusa in una delle loro canzoni, che abbiamo suonato in un episodio precedente. Gli ho solo scritto su Instagram dicendo loro quanto la loro musica significasse per me e in particolare il secondo LP perché mi ha confortata. È come se parlasse di un sacco di sentimenti che non ero in grado di pensare per conto mio. Ma, sai, un’altra cosa che amo è che il titolo di ogni canzone è semplicemente la prima riga di ogni canzone. E ogni volta che penso di farlo con una delle nostre canzoni, non ho mai la sensazione che la prima riga sia abbastanza buona per essere un titolo. Quindi complimenti ai American Football per averlo fatto.

“Ciao Hayley, mi chiamo Jack e sono un dottore a Londra. Uno dei miei ricordi più belli è stato vedervi suonare dal vivo Here We Go Again. Ricordo che ai tempi suonavi uno snippet di One Armed Scissors nell’outro, ed è la prima volta che ho sentito gli At The Drive-In e mi sono innamorato di loro quindi sì, mi piacerebbe sentire qualcosa di loro.

“Oh, mio Dio, Jack, adoro quel messaggio. Grazie mille. E ricordo questa storia vividamente. Mi manca molto. Facciamolo. Mettiamo One Armed Scissor dei At The Drive-In. Jack, allaccia le cinture.

“Sono così fighi e proprio nel momento che probabilmente stavano diventando più grandi che mai ed erano sull’orlo di qualcosa di veramente esplosivo, si sono sciolti. Si sono sciolti nel 2001 poi sono tornati come due band: i Mars Volta e Sparta. Ho amato così tanto entrambe queste band. Anni e anni e anni dopo, nel 2012, sono tornati per un attimo come i At The Drive-In, e tutti noi abbiamo gioito e ne siamo stati davvero entusiasti”. 

“Questa era When Paula Sparks dei Copeland. Ho scelto i Copeland per molte ragioni, ma principalmente so che questa band era più grande negli Stati Uniti che nel Regno Unito. Abbiamo suonato il nostro primo concerto in assoluto con i Copeland. I Copeland erano così fantastici con noi. Ci hanno portato nel nostro primo tour sulla costa orientale.

“Abbiamo avuto molte prime volte con i Copeland. Il loro nuovo album Beneath Medicine Tree uscì nel 2002, e hanno suonato in questo posto chiamato The End a Nashville. Sembrava che lo facessero ogni fine settimana, come se avessi visto i Copeland così tante volte che, tipo la quarta o la quinta volta, ero molto a mio agio a lasciare nel mezzo del set per andare da Krispy Kreme nella porta accanto, a prendere una ciambella e tornare, e non è stato perché non mi importava di perderli, era proprio come se conoscessi lo spettacolo da cima a fondo. Il fatto che siamo potuti andare in tour con loro è stato davvero speciale e i miei genitori erano in viaggio con noi all’epoca. Mio padre ha lasciato il lavoro in quel momento per accompagnarci in un furgone. E, sai, i Copeland hanno conosciuto molto bene i miei genitori. Ed erano davvero gentili con loro. Da qualche parte ho una scatola con delle foto di noi, con Aaron Marsh, e questi primi spettacoli. Hanno avuto il loro momento di ritorno. Sento che continuano ad evolversi e continuano a fare cose che mi fanno ricordare perché hanno avuto un impatto così duraturo sui Paramore. 

“Ok, è ora della nostra traccia finale del nostro album in Shuffle LP2 degli American Football. My Instincts Are The Enemy. Continua a succedere in ogni episodio: la mia traccia preferita da un album viene fuori come finale in shuffle. È incredibile. È una bella sensazione. La amo così tanto questa canzone, prova a non piangere”. 

“È il momento di AOB (Any Other Business). E oggi ho bisogno di parlare di Bartees Strange. Una cosa che amo di Bartees Strange è che quest’uomo ha una voce gospel incredibile. È così ricca e bella, e probabilmente potrebbe cantare tutto ciò che vuole. Ma adoro che è cresciuto amando l’emo e la musica alternativa e indie. Ha fatto un EP di cover di canzoni dei National, ha fatto remix di Phoebe Bridgers e degli Illuminati Hotties. Questa canzone si chiama Heavy Heart. Se ti piace, per favore, dai un’occhiata al resto della sua musica perché è fantastica. È davvero, davvero fantastico”.

Nel prossimo episodio parleremo di debutti. Questo è il tema dell’episodio. Quindi, per il nostro album On Shuffle, stiamo avendo quello che è forse il più grande debutto di tutti i tempi. Parlo di Funeral  degli Arcade Fire, e so che potrebbero esserci degli oppositori che diranno, ‘non sono emo’.

“Ma lascia che ti dica solo che questa band ha cambiato tutto ciò che era possibile nell’emo e nell’alternative e persino nel rock moderno. Ad esempio, l’hanno appena riportato in primo piano. In realtà abbiamo suonato al Reading and Leeds con gli Arcade Fire nel 2007, e ho avuto modo di guardarli da lato palco ed era come nessun altro spettacolo che avessi mai visto, ed è stato emozionante da morire. C’erano così tante band con me in quel momento. In quel periodo stavamo tutti ascoltando questo album e stavamo tutti cercando di capire come diavolo ci saremmo mossi dopo perché hanno alzato il livello. Finiamo l’episodio con Neighborhood #2 (Laika) degli Arcade Fire“.