Skip to content
Hayley Williams

Hayley chiama Ed dei Radiohead per consigli creativi

Hayley Williams è da molto una fan dei Radiohead e quando è arrivata l’opportunità di chiedere un consiglio a Ed O’Brien dei Radiohead, l’ha colta.

A febbraio, Hayley ha incontrato Radio.com per un’intervista durante il suo viaggio promozionale per Petals for Armor a New York City. Oggi è stata rilasciata un’altra parte dell’intervista, facendola rientrare in un formato chiamato Artist to Artist che ENTERCOM ha creato per il loro canale Youtube.

La cantante è da molto tempo fan dei Radiohead e quando è arrivata l’opportunità di chiedere un consiglio a Ed O’Brien dei Radiohead, l’ha colta subito. Hayley ammira molto la traiettoria musicale di Ed O’Brien, seguendola in modo simile con il suo nuovo album solista, e per questo motivo gli ha chiesto consigli sull’ispirazione creativa.

Di seguito la loro chat tradotta:

“Ciao Ed, sono Hayley. Sono un tua grande fan, della tua band e tutto ciò che fai. Voglio sapere se ti senti mai come “Quando è troppo è troppo” o hai mai la sensazione che ci sia un punto in cui hai paura che l’ispirazione diventi stantia o che la musica non si senta più ispirata. Ci penso molto con i miei compagni di band e parliamo molto di come siamo stati in grado di realizzare molti album di cui siamo sempre più orgogliosi, ma quando è il momento in cui si esaurisce? Vorrei sentirlo da qualcuno che ammiro così tanto.”

Questa è davvero una bella domanda Hayley. Se l’ispirazione smette di fluire, smetti di venire, non puoi forzarla, non puoi nasconderlo. Penso che la chiave sia prima di tutto non aver paura di questo perché se si ferma, cosa hai intenzione di fare? Fai qualcos’altro, segui il tuo intuito ma pensa sempre a lasciare che il tuo intuito sia la tua guida. Segui quella cosa che più ti eccita. Penso anche che forse la cosa che aiuta a sostenere la longevità non è identificarsi con il successo e tutto il resto e ricordare: 150 anni fa la tua band e la mia band avrebbero viaggiato a cavallo, andando da una città all’altra e facendo piccoli spettacoli. Viviamo in un’era in cui c’è una tale lente d’ingrandimento su ciò che facciamo e ciò che facciamo è enorme e siamo tenuti in grande considerazione. Penso che sia davvero importante essere umili e grati per quello che fai e penso che forse è così che l’ispirazione nella musica rimane, ma chissà quanto dura.