Skip to content
Intervista

Hayley Williams commenta tutte le collaborazioni passate con Stereogum

La frontwomen dei Paramore sul diventare solista con Petals for Armor, Taylor Swift, essere un avatar di videogiochi, e altro ancora.

We’ve Got A File On You è una rubrica di Stereogum dove alcuni artisti vengono intervistati e condividono le storie delle attività extracurriculari che hanno fatto nella loro carriera: collaborazioni, concerti insieme, etc. Per questa edizione, Julia Gray ha chiamato Hayley Williams per parlare del suo passato ed eventuali collaborazioni future. 

Sotto l’intervista tradotta, mentre qui l’articolo originale. 

Petals For Armor (2020)

Sono sicuro che c’è molta attesa per il nuovo album che uscirà durante la quarantena.

Sono contenta di non averlo rinviato. Devo solo togliermelo dal mio corpo. Ho bisogno che venga rilasciato. Non vedevo l’ora che uscisse.

E significherà molto per i tuoi fan, averlo durante questo periodo.

Stavo parlando con i miei amici del fatto di far uscire l’album durante questo periodo. È una fluttuazione costante perché ti senti in colpa perché è quasi un segnale che ti fa sentire bene, o un privilegio di qualche tipo e c’è un senso di colpa per questo. Ma d’altra parte non abbiamo tutti bisogno dell’arte più che mai in questo momento? Parlavo con la mia amica Becca Mancari, una grande artista folk di Nashville, e lei mi diceva che molti dei suoi eroi scrivevano canzoni mentre eravamo in guerra negli anni Sessanta e Settanta. Io dicevo: “Ora sono famosi per fare musica e per riunire le persone nei momenti più bui”. Non pensi che anche loro si sentissero un po’ sciocchi? Non potevano sapere che la loro musica sarebbe stata d’aiuto. Quindi penso che sia nostro compito continuare a provarci.

Ci sono temi nel nuovo album che secondo te risuoneranno nel momento attuale?

Spero di sì. Faccio molta fatica con la mia mente, come ogni essere umano… Non credo che i miei problemi siano così speciali, quindi spero che le persone si relazionino e che queste canzoni le trovino e aiutino a confortarle ovunque si trovino. La storia dell’album passa da questo luogo oscuro e pieno di rabbia a qualcosa di molto promettente. Ovviamente, siamo senza molta speranza in questo momento, ma credo che si manifesti in momenti inaspettati. Cerco sempre di aggrapparmi a quei momenti.

Cover di “Don’t Start Now” di Dua Lipa (2020) e cover di Cyndi Lauper con Kacey Musgraves (2019)

Di recente hai fatto una cover di “Don’t Start Now” di Dua Lipa. L’anno scorso tu e Kacey Musgraves avete fatto un’incredibile cover di Cyndi Lauper. Potresti parlare degli artisti che hanno ispirato l’album e di chi hai ascoltato durante la creazione di questo nuovo progetto?

Questo album è stato una sorpresa per me e lo sono state anche le influenze che sono emerse. Le cose che sento quando riascolto le canzoni mi incoraggiano molto. Sento molti degli artisti che ammiro. Ho ascoltato Solange, i Radiohead, e naturalmente Björk, gli SZA… una band da cui sono davvero ossessionato è Mr Twin Sister. Mi è stata presentato da Joey [Howard], con cui stavo scrivendo molto, il bassista dei Paramore. Sono di New York… sono molto Sade, ma sono un po’ punk e sono bravi a ballare in giro per casa.

Ho ascoltato molto Phil Collins, Peter Gabriel, Tribe Called Quest… Everything Everything, James Blake… Quando ero molto giovane amavo molto i cantanti e la musica R&B. Whitney Houston e Janet Jackson. Mia madre amava i Black Sabbath. Poi mi sono trasferita a Nashville e ho conosciuto i ragazzi. Recentemente ho aggiunto una playlist alla mia pagina di Spotify ed è il primo CD mixato che Zac [Farro] abbia mai fatto per me. Ha i Failure e… And You Will Know Us By The Trail Of Dead.

B.o.B. – “Airplanes” (2010)

Torniamo indietro di 10 anni, al mega successo di B.o.B. “Airplanes”. Puoi parlare della tua esperienza, essendo coinvolta in una canzone pop mainstream così vivace?

È stato un periodo selvaggio. Sono stato invitata a cantare questa canzone quando era ancora di Lupe Fiasco. Ero un fan, pensavo che i suoi dischi fossero fighi e lui aveva questa vibrazione che sembrava un po’ gli A Tribe Called Quest. Ho registrato la voce nello studio di Jim Henson a Los Angeles. Avevo tipo 20 o 19 anni quando ho ricevuto la demo. Stavamo suonando all’Hammerstein Ballroom di New York City e qualcuno dell’Atlantic ce l’ha lasciata in backstage. L’ho suonata per i ragazzi e abbiamo pensato: “Oh mio Dio”.

Tenete presente che a quel tempo i Paramore non se la passavano bene a livello personale. Non andavamo d’accordo, ma tutti i ragazzi dicevano: “È molto figo, dovresti farlo”. Ho pensato: “Wow, ok!” Ho pensato, sì, questa è una bella strana opportunità che non avrei mai pensato di avere. Così ho registrato la voce e più tardi l’etichetta è tornata e ha detto: “Ehi, stiamo dando questa canzone a un nostro nuovo artista chiamato B.o.B e Eminem ci farà una strofa”. Mi sono detta: ‘Porca puttana, che cos’è la mia vita?’ Ero entusiasta e sono davvero felice di averlo fatto. È stato così bizzarro. I Paramore hanno messo fuori Brand New Eyes quell’anno, quindi è stata una fase molto più rock per la band. Ma a volte bisogna provare qualcosa di nuovo.

Di recente hai rifiutato una collaborazione con Lil Uzi Vert. Hai detto che non vuoi essere “così famosa”. Come è cambiata negli anni la sua comprensione di te stessa come artista e collaboratrice?

Ho visto che la gente si è arrabbiata molto con me per questo e ho pensato: ‘Beh, dannazione, se conoscessero tutti gli altri artisti che ho rifiutato si arrabbierebbero ancora di più’. Il problema è che quando dico alla gente che opportunità ho rifiutato, la prendono come un dissenso piuttosto che come qualcosa da riflette per capire maggiormente il mio punto di vista. Ho seguito il mio istinto come anche per tutto quello che ho fatto con i Paramore. I Paramore come band hanno anche rifiutato molte opportunità folli. Ma penso che un no possa essere remunerativo quanto un sì. Penso che devi sapere esattamente chi sei e se mai lo metti in dubbio, allora devi comunque seguire l’istinto che hai e devi rimanere fedele a quelle decisioni.

Sono convinta di aver fatto la scelta giusta a rifiutare l’offerta di Uzi. È un tesoro e non ci sarebbe stato niente di male se avessi cantato una canzone con lui. Ma in fin dei conti, non voglio essere il tipo di artista che viene twittato in continuazione. Voglio che le persone si connettano con la mia musica. Questo non è un insulto a nessuno. So solo come funziona il gioco quando un album è pieno collaborazioni. Voglio solo fare le mie cose e se mai mi sembrerà giusto fare una collaborazione, allora la farò. Ma per il resto, devo davvero seguire il mio istinto e riguardo l’opportunità con Uzi – non stavo mentalmente bene in quel momento. I Paramore avevano bisogno di una pausa dall’essere là fuori da molto tempo. Non posso, non posso dire di sì a tutto.

Chi è il più grande artista che hai rifiutato, o la più grande opportunità che sapevi non era la decisione giusta?

Non posso ricordarmeli tutti. So che ai Paramore sono stati offerti un sacco di tour davvero grandi con band diverse musicalmente che sentivamo di voler trascendere. Quindi non abbiamo colto queste opportunità – ancora una volta, non per mancanza di rispetto, ma perché sentivamo di conoscere noi stessi e non ci siamo allineati a dove pensavamo che quel tour ci avrebbe portato. Ma ricordo di aver fatto tipo, proprio quando ho compiuto 18 anni… ricordi la rivista Blender?

Blender era un grande nome quando ero adolescente. Era una rivista molto sexy e vedevi sempre qualche grande artista pop o rock che non ti aspettavi di diventare sexy. Vedi tutti sulla copertina con indosso qualcosa di veramente scottante e che mostrano un sacco di pelle. Mi è stato chiesto, tipo, nel momento in cui ho compiuto 18 anni di essere in copertina e non ero mai stata su una copertina che non fosse un magazine tipo Kerrang!, una rivista alternativa.

C’era una parte di me che – da giovane ragazza che diventava donna – diceva: ‘Beh, voglio sentirmi sexy. Voglio crescere. Voglio che la gente sappia che non sarò più solo una ragazzina adolescente, che fa head-banging sul palco”. Ma penso che una cosa che sono grata di avere, che a volte mi si rivolta contro, è che penso troppo al quadro generale. E così, quando mi è stato offerto, ho immaginato di avere l’età di Thom Yorke o di Björk e, guardando indietro a questa mia copertina sexy dal momento in cui ho compiuto 18 anni, pensare: ‘Questa non ha fatto niente per la band, non ha fatto niente per la nostra musica”.

Più tardi ho finito per apparire in una copertina di Cosmo e sono davvero dispiaciuto di averlo fatto ad essere onesta. Sono abbastanza sicura che mi abbiano un po’ aerografato le tette. Penso di essere carina, sapete, e mi ricordo che me l’hanno offerta quando Josh e Zac avevano appena lasciato la band. Non sapevo nemmeno se la band avrebbe continuato. E ho pensato: “Beh, fancu*o. Apparirò nella copertina di questa rivista perché, sapete, forse questo è solo un segno che ho bisogno di continuare a lavorare o altro”. Ed è stato strano che me l’abbiano chiesto – perché, ancora una volta, eravamo un gruppo rock e non hanno quel tipo di persone in copertina molto spesso. Mi hanno fatto sentire molto a mio agio. Non sono stati scortesi, sono stati rispettosi. Non mi hanno mai fatto sentire un oggetto. Ma mi sono sentito comunque oggettivizzato quando mi sono vista in copertina. Mi sentivo come: “Beh, no, non lo farò più”.

Quali sono alcuni ricordi di quell’epoca che hanno plasmato e influenzato il tipo di lavoro che stai facendo ora?

Avevo una relazione davvero malsana e credo che questo abbia influenzato la maggior parte delle mie decisioni a vent’anni, ad essere onesti. Ne scrivo molto su Petals For Armor perché mi ci è voluto davvero un intero decennio della mia vita per capire le scelte che ho fatto. Sapete, come se non fossi veramente formata come umano quando ho iniziato a prendere queste grandi decisioni di vita per me stesso. E quando sei sotto i riflettori o quando hai un certo successo, queste cose vengono registrate in una specie di libro di storia, sai, su internet o cose del genere. Credo che fossi davvero molto confusa su chi fossi, e infatti stavo sperimentando. Tipo, ‘ora sto cantando questa canzone hip-hop o pop, vediamo come va’. Direi che più tardi, quando ho fatto il pezzo con Zedd, ho preso una decisione consapevole di farla e ho scritto anche sulla canzone. Quindi per quell’esperienza, anche se è stata molto diversa da quella dei Paramore, mi è sembrato comunque di essere me stessa.

Taylor Swift – “Bad Blood” Video (2015)

Tu eri nel video di Taylor Swift di “Bad Blood”. Qual era l’atmosfera sul set?

Credo che tutti noi possiamo vedere chiaramente che non mi sentivo a mio agio. Era davvero fottutamente figo. Dovevo fare una coreografia per quella scena di lotta, ma poi hanno portato una controfigura per le cose che non potevo fare. Mi sentivo decisamente come se fossi in un mondo a cui non appartengo. Mi sento così ogni volta che i Paramore devono fare qualcosa di mega mainstream. Come quando siamo stati a The Voice. Prima di tutto, sfruttiamo appieno quelle opportunità perché è come se dicessimo: ‘Diavolo, sì, suoniamo la nostra canzone in televisione’. È una follia.

E vogliamo che la gente ascolti la nostra musica. Ma, sapete, semplicemente non facciamo parte di quel mondo. E penso che ci sia una sorta di orgoglio in questo, che anche quando andiamo a un festival punk, non facciamo parte neanche di quel mondo. Abbiamo sempre cercato di trovare le nostre influenze e ispirazioni lungo la strada e intrecciarle in quello che stiamo facendo.

Ma quando sono salita su quel set per “Bad Blood”, ho pensato: ‘Porca putt*na, sono in acque profonde’. Non lo so. E Taylor è stata così dolce con me. Abbiamo iniziato a frequentarci dopo la grande cosa con Kanye. Non la conosco più molto bene, ma quando vivevamo entrambe a Nashville, lei viveva qui la maggior parte del tempo – sai, era bello conoscere qualcuno che faceva qualcosa di simile a me. Non abbiamo molto in comune dal punto di vista musicale, ma siamo entrambe nella stessa industria, che soprattutto allora era un mondo diverso per le donne rispetto a quello di oggi. E non dico che ora sia perfetto.

Tu e Taylor avete anche cantanto insieme “That’s What You Get”.

Sì, stava facendo quel tour di Speak Now. Credo che fosse il suo primo grande tour nell’arena e io ero in città, i Paramore erano in tour. Lei mi disse: “Verresti a cantare?” Non sapevo che ogni sera ci fossero canzoni di artisti diverse, che ora è diventata una parte importante dei suoi tour, come se portasse in giro amici che hanno grandi canzoni o cose del genere.

Ma mi ha fatto impazzire perché non pensavo davvero – voglio dire, “Misery Business” era stata una grande canzone all’epoca, ma non immaginavo davvero che molti ragazzi avrebbero saputo “That’s What You Get”. Ed è stato così divertente poterlo fare. È davvero una persona dolce e questa dura industria musicale ha cercato di masticarla e sputarla un migliaio di volte. E penso che lei arrivi sempre in cima, perché in realtà è una grande scrittrice e una grande artista. E penso che sia proprio una brava persona, sapete?

“The Only Exception” in Glee e Dancing With The Stars (2010-2014)

Sei rimasto sorpresa quando “The Only Exception” è diventata protagonista in Glee e Dancing With The Stars in prima serata?

Mi ero dimenticata che era in Glee. Voglio dire, quanto è strano che la canzone sia nel bel mezzo di Brand New Eyes? Non so come quella canzone sia diventata popolare nel bel mezzo di tutto questo, ma voglio dire, sì, è stato davvero come, amico, è stato un momento davvero pazzesco per noi quando eravamo ancora molto giovani. A quel tempo, “Misery Business” era stata la nostra canzone più grande. “The Only Exception” ci ha riportato in testa.

È stato bello perché, anche se quella canzone è molto, molto pop, penso che sia stato l’inizio di iniziare a vedere la nostra fanbase crescere e diversificare un po’. Quello è stato l’ultimo grande singolo che abbiamo avuto fino a quando Taylor ed io non abbiamo scritto il disco omonimo. “The Only Exception” è stato questo strano primer per queste altre canzoni come “Ain’t It Fun” e “Still Into You”.

“Roses/Lotus/Violet/Iris” con Boygenius (2020)

Recentemente hai fatto una canzone con le Boygenius. Come è nata? Le seguivi?

Sono un grande fan di ognuno di loro come singole artiste e anche di quel disco che hanno pubblicato come Boygenius. Ho pensato che fosse uno dei migliori di quell’anno. Mi sento davvero fortunata per la mia posizione nella band e per il fatto di essere spesso in viaggio per festival, mi capita di incontrare così tante persone che ammiro. Ed è sempre più divertente quando queste persone hanno la mia stessa età o simili.

E anche quando sono donne, sapete, c’è così tanto in comune di cui parlare e così tanto oro da estrarre, solo per cercare di ottenere consigli o per offrire consigli. È davvero bello. Penso che forse perché per tanto tempo le donne dell’industria musicale si sono sentite come se si fossero messe l’una contro l’altra. Penso che ci sia ancora quel condizionamento e che stiamo ancora lottando l’una contro l’altra per capire che ci siamo dentro insieme e che siamo qui l’uno per l’altra, quindi ogni volta che hai questa possibilità per quel promemoria, è così bello. È così confortante e ci si sente parte di un club nel quale potersi sedere con altre donne con cui si condivide la passione.

Condivido le stesse passioni di Julien Baker, che scrive di cose di cui non scrivo e canta in un modo che io non canto e la sua esperienza di vita è così diversa dalla mia. Ma condividiamo le stesse passioni quando si tratta di fare musica. E ci sono molte cose in comune che l’hanno resa una mia amica. Averle su una delle mie canzoni è stato un tale onore per me. Mi sono pizzicata perché sono come, amico, cosa ho fatto per meritare quel livello di… sono così piene di talento e… hanno fatto la cosa giusta. Hanno appena creato Boygenius ed è così fottutamente bello.

Le hai contattate?

Julien è stata uno dei motivi per cui ho pensato: ‘Sì, perché non fare più musica anche se sono fuori. Anche se i Paramore si stanno prendendo del tempo libero in questo momento, perché no?’ Parlavamo di come le persone che sembrano più felici sono quelle che fanno quello che vogliono.

Sai, anche i Beatles hanno i loro progetti al di fuori dei Beatles, e sono il gruppo più grande di tutti i tempi. So che se Paul McCartney può andare a fondare un’altra band e poi anche fare degli sforzi da solista fino alla fine dei tempi, allora sono abbastanza sicura che altre persone che sono nelle band e altri artisti che stanno facendo una cosa possono sempre avventurarsi e provare altre cose. Non deve per forza cannibalizzare, sai, il nucleo. E per me, i Paramore sono il mio nucleo e tutto il mio cuore, ma ci stavamo prendendo del tempo libero e ne stavo passando così tante e lei mi ha davvero ispirato a lasciare che questo mi portasse dove doveva portarmi.

Quando l’ho incontrata, probabilmente sei mesi dopo allo spettacolo della nostra amica Becca Mancari al Ryman, le ho chiesto: ‘Cosa stai facendo? Non ti vedo da così tanto tempo. Voglio davvero che tu venga a cantare la canzone che ho scritto’. Ed è una canzone che tratta di donne che apprezzano le nostre unicità e le nostre differenze e che combattono ogni forma di confronto e tutto il resto. Le ho detto: ‘Mi piacerebbe che ci fosse un’altra amica”. E lei mi ha detto: “Oh mio Dio, c’è anche Lucy’. E Lucy si avvicina come se fosse apparsa dal nulla. E poi ha detto: ‘Sì, voglio farlo’, e ‘Phoebe arriva domani’, ed è stato bellissimo. Era davvero come il destino, sapete, era proprio destino. Sono super onorata.

Cover di “Accident Prone” di Jawbreaker (2017)

Tu e Julien avete fatto la cover della stessa canzone dei Jawbreaker, “Accident Prone”. Entrambe le vostre cover sono così belle. Puoi parlarmi del tuo legame con quell’era della musica emo e di come ti ha influenzato?

Penso che quell’era dell’emo e del post-punk sia in realtà ciò che mi rappresenta di più. Non sono proprio d’accordo con la versione emo della mia generazione. Non l’ho mai capito veramente, anche se ne ho fatto parte. È come se fossi stato sulla scena e stessi suonando gli spettacoli e tutto il resto, ma ascoltavo gruppi che erano molto più vecchi o che non stavano più insieme. E questo è ciò che ispirava me e il resto dei ragazzi – sai, come se i Sunny Day Real Estate non fossero nemmeno una band quando li abbiamo scoperti. Anche band come Fugazi, che penso, Dio, quei dischi sono così audaci, da passare dall’essere una band hardcore punk e poi iniziare qualcosa di nuovo e diverso e un po’ più emotivo.

Mi piace ripensare alla musica che è arrivata dopo… chitarre scintillanti e suoni di batteria ampi come gli American Football e persino i primi anni di Jimmy Eat World e Braid. Quella roba ha davvero un posto speciale nel mio cuore, anche se non faccio più niente che suoni così. Penso che i Paramore si siano dilettati in questo per un secondo. Ma sai, è venuto fuori in modi diversi.

American Football – “Uncomfortably Numb” (2019)

Allora registrare “Uncomfortably Numb” con gli American Football è stato come un sogno che si è avverato?

Porca putta*a. Sì, l’ho detto al nostro manager quando ho ricevuto il messaggio diretto da uno dei ragazzi della band. Ero davvero ossessionata da loro, dal disco che hanno pubblicato nel 2017. Stava uscendo più o meno nel periodo in cui mi sono resa conto che avevo bisogno di uscire dal mio matrimonio. Mi sembrava che l’avessero scritto basandosi su di me, anche se può sembrare così egocentrico… ma sentivo che contava così tanto per me e che era diventato un compagno davvero intimo. Non potevo fare a meno di parlare di loro tutto il tempo. E immagino che quando stavano scrivendo questo nuovo disco hanno detto: ‘Beh, sappiamo che sei un grande fan, ma abbiamo anche la canzone per la quale pensiamo che saresti perfetta’.

Gli American Football hanno un modo così originale di fare le cose. Scrivono in modo così bello. Ci sono parti che si sentono sporgenti e ci sono parti che sembrano proprio strazianti e semplici. Ho detto al mio manager che non so quante altre collaborazioni farò… sai, non sono sicura di essere come ero prima, non so se vorrò mai più fare una collaborazione con una band di questa scena musicale. Sento che se stavo cercando un momento per dire che se non farò mai più una collaborazione con una band emo, questo è il momento giusto.

Warped Tour (anni 2000)

Come ti sei sentita quando il Warped Tour è stato cancellato? Hai detto che non hai mai trovato la scena musicale con la quale ti associ completamente.

Beh, prima di tutto, ho sempre pensato che non fosse una cosa che avrei dovuto dire nelle interviste o ai fan perché non voglio che la gente pensi che io mi senta migliore di chiunque altro. Non voglio che la gente pensi che i Paramore vadano in giro con il naso all’insù perché non è così. Abbiamo molti amici che fanno musica molto diversa da noi. Credo che sia stata colpa di come la stampa ha gestito la nostra band e il modo in cui ci hanno sensazionalizzato – specialmente con me che sono una donna, che faccio parte di questa scena, e quindi ci raggruppavano a gruppi che non sembravano noi per niente. 

Mi sono anche sentita come, beh, non so, è solo perché abbiamo suonato al Warped Tour? Perché mi ricordo i vecchi manifesti del Warped Tour dove c’erano gruppi hip-hop, punk, hardcore ed emo. Mi sentivo come se fosse un luogo che era una rete culturale. Ed era per persone che si sentivano emarginate o che non riuscivano a trovare la loro band preferita. Non potevano andare a vedere la loro band preferita in qualsiasi club in un giorno qualsiasi. Era speciale.

Ma guardando indietro, c’erano un sacco di cattive abitudini. Ho visto e imparato molto e credo che la sensazione generale fosse di essere un po’ isolata nel mio corpo. Sono orgogliosa che ce l’abbiamo fatta. Ci siamo fatti il cu*o. Non avevamo molto e abbiamo guadagnato molto con molto poco – soprattutto in quei primi due anni del Warped Tour – e ne siamo cresciuti.

Ma quando è finito, ho sentito che era giunto il momento. Quando lessi questo, pensai: ‘Sai una cosa? Bene’. Perché si era già allontanato molto da quello che era all’inizio. E c’erano molte polemiche che venivano fuori ogni anno da quel tour, soprattutto tra uomini e donne e accuse sessuali. Mi sentivo come: ‘Sai una cosa, sono contenta che non facciamo parte di quel mondo da un po’ di tempo. Sono contenta che ci siamo trasferiti in qualcos’altro e sono contenta che abbia significato per noi quello che ha significato per noi. Ha senso?

Sì, assolutamente. Ha senso. È stata un’epoca così lunga che non riesco a immaginare di ricreare quel momento.

Penso che a volte dobbiamo lasciare che alcune cose rimangano speciali come erano e non prendere le cose preziose e poi rovinarle per ricrearle. Penso che sia successo e che ora possiamo trovare altre cose.

“Teenagers” della Soundtrack di Jennifer’s Body (2009)

Di recente ho riascoltato la colonna sonora di Jennifer’s Body. È interamente composta da artisti di Fueled By Ramen, è come una capsula del tempo. La tua canzone per quella colonna sonora, “Teenagers”, è così bella e non la trovo su Spotify.

[Ride] Oh, beh, penso che si debba comprare tutta la colonna sonora per averla.

Beh, credo di doverlo fare!

Adoro quella canzone. Quella canzone doveva essere nei titoli di coda [del film], ma la nostra band era in un tale brutto momento che mi sentivo un po’ tesa e ho pensato: “Ah, non ne vale la pena”. Josh ed io, a quel punto, scrivevamo le canzoni insieme. Alla fine l’ho scritta da sola, ho detto qualche parolaccia nel testo e lui aveva opinioni molto diverse su come i Paramore dovevano essere. Quella ero solo io che dicevo la mia. Stavamo tutti impazzendo, ad essere onesti. Eravamo tutti al limite del nostro ingegno e mi è stato offerto il finale, e ho pensato fosse così eccitante perché amo questi tipi di film. E invece hanno usato una canzone degli Hole.

Comunque, sono andata a suonarla per la gente, per i produttori della SXSW. Mi sono seduta nella hall di una stanza d’albergo e ho suonato quella canzone. E loro: “Sì, vogliamo usarla”. Ma poi ho chiamato Josh una settimana dopo e gli ho detto: “Ehi, sai, questa roba non è il massimo per il mondo dei Paramore. Ma non farne un dramma”. I Paramore erano la mia famiglia – sono sempre stati la mia priorità.

Guitar Hero: World Tour (2008)

Tu sei stata un personaggio giocabile in Guitar Hero. Era strano vederti come un avatar di un videogioco?

Sì, è stato fighissimo. È stata una delle esperienze più folli che abbia mai avuto a che fare con la musica, ma non l’avrei mai fatta se non mi fossi dedicata alla musica. Mi hanno invitato a Burbank e sono andata allo studio EA e mi hanno fatto indossare la tuta di motion capture e mi hanno fatto essenzialmente eseguire “Misery Business” proprio come faccio in tour. E poi mi hanno fatto fare altre mosse per i giocatori, come quando vincono o quando perdono. Oh cavolo, è stato fighissimo. Pensavo davvero che fosse qualcosa che mi sarebbe piaciuto fare di nuovo, ma è stata proprio quell’opportunità. Non credo che questo genere di cose capitino molto spesso. È una cosa super speciale.

Sei una gamer?

Non lo sono. Mia madre adora i videogiochi e mi ha chiesto di giocare con lei durante la quarantena, ma devo procurarmi una nuova console. Sto discutendo se voglio avere di nuovo una PlayStation o se voglio prendere uno Switch per poter cadere in questo buco di Animal Crossing con tutti gli altri.

Kiss Off Beauty Web Series (2015)

Nel 2015, hai avuto una serie web di bellezza chiamata Kiss Off. Come è nato questo progetto? Il trucco è sempre stato una tua passione?

Continuo a dimenticarmi di tutte queste cose e mi chiedo: come fai a saperlo? [Ride] Abbiamo iniziato così perché Brian [O’Connor] e io sapevamo che avremmo lanciato la nostra azienda tinte per capelli, che all’epoca aveva solo cinque colori semipermanenti. Ho detto a Brian: “Io e te abbiamo sempre un aspetto da palcoscenico. Creiamo acconciature che la gente emula. Dovremmo fare qualcosa che ti faccia conoscere”.

Fa questi make-up punk davvero grandiosi e non ha paura di provare cose che sono concettuali e non necessariamente belli. Si tratta piuttosto dell’atteggiamento o del concetto che sta mettendo in campo. E ho pensato che fosse anche un’ottima cosa da promuovere, solo per mostrare alla gente che piace… a volte devi solo abbracciare il fatto che la bellezza non ha nulla a che fare con i contorni del tuo viso. Ha a che fare con la persona che vuoi essere in questo giorno o con come ti senti veramente e come lo rispecchi nel tuo look, come esprimi le tue emozioni attraverso il tuo stile o il tuo abbigliamento, i tuoi capelli. Kiss Off è stato un modo così figo per iniziare.

Quali sono alcuni dei tuoi look preferiti dalla storia della musica, o dal mondo della musica recente?

Missy Elliott. “Supa Dupa Fly”. Quello è stato un momento che non dimenticherò mai. Avevo probabilmente otto anni. Non me lo ricordo esattamente. Ricordo solo che avevo un cervello molto giovane e guardavo di nascosto MTV perché all’epoca non mi era permesso. E lei è apparsa sulla mia TV e io ho pensato: “Voglio andare a vivere su qualsiasi pianeta lei viva, ovunque lei sia, è il posto a cui appartengo. Io non appartengo al Mississippi”. All’epoca avevamo anche Aaliyah e TLC, donne bellissime che indossavano cose che sfidavano la norma. Voglio dire, erano ovviamente sexy, ma indossavano un sacco di vestiti oversize.

Questa è una cosa che mi piace molto di Billie Eilish. Mi ricorda letteralmente di essere una ragazzina, di aver visto Mary J Blige, sembra che l’abbia vissuta ed è pazzesco perché ovviamente è molto più giovane. Non era nemmeno in giro a quell’epoca, ma sembra autentico. Inoltre, dopo che il neon si era un po’ spento, ha fatto tornare il neon ad essere di nuovo fresco. L’ha riportato con la sua ricrescita e ora lo stiamo vedendo crescere e continua a rinfrescarlo e mi rende così felice.

Cover di “Rainbow Connection” con i Weezer (2011)

Hai fatto una cover di “Rainbow Connection” con i Weezer. Com’è stato il tuo primo rapporto con i Weezer e i Muppets?

Io e i ragazzi abbiamo ascoltato i loro dischi un bel po’, come in macchina mentre facevamo avanti e indietro dalla scuola e cose del genere. Sai, il primo CD di Zac che ha fatto per me, ha messo la cover della canzone dei Pixies “Velouria” dei Weezer. Probabilmente è la mia preferita, anche se in realtà non è una canzone dei Weezer. Penso solo che mi dia dei bei ricordi e suoni così figa.

Non riuscivo a crederci quando Rivers mi ha chiesto di farlo con lui. I Weezer erano un gruppo più grande dei Paramore e mi sono sentita come – non so, è stato davvero bello quell’anno. Durante l’era di Brand New Eyes avevamo un sacco di artisti rock e punk molto cool, molto grandi, che ci hanno dato il loro sostegno, come i Green Day e Joan Jett. Ricordo quella sensazione la prima volta che Mark, il nostro manager, chiamò e disse: “Ehi, Rivers vuole sapere se vuoi venire a cantare ‘Say It Ain’t So’ con loro sul palco”. Era quasi come se mi stesse facendo un provino o qualcosa del genere e poi la chiamata successiva è stata: “Hey i Weezer stanno facendo questa cover di ‘Rainbow Connection,'” che è una delle più grandi canzoni di tutti i tempi. E mi sono davvero entusiasmata. L’ho registrata subito. La adoro. Mi sono dimenticata di averlo fatto.

Sei un fan dei Muppets?

Sì, sono un fan di Jim Henson. E quel film, la colonna sonora… Ho pensato che fosse davvero un brillante revival del marchio dei Muppets.

Parahoy! (2014-2018)

Mi può parlare della crociera rock Parahoy che avete iniziato a fare qualche anno fa?

Oh, è la migliore. Penso che le crociere Parahoy siano una delle nostre cose preferite dell’essere stati una band così a lungo. È una esperienza che abbiamo condiviso con i fan di lunga data, le persone che hanno sostenuto la nostra band da quando suonavamo a 300 persone. Vediamo ancora quelle facce in prima fila. Essere nel mezzo del mare di tutte con queste persone che abbiamo avuto modo di conoscere o incontrare più volte durante gli spettacoli, è davvero una conferma di vita. Non so come altro dirlo. So che è un po’ drammatico, ma quando siamo in quelle crociere, è un po’ come dire: ‘Oh. Tutto quello che abbiamo fatto perché ci piaceva la musica, quando avevamo 13 anni, è arrivano fino a questa nave”.

E’ una follia. Ne abbiamo fatte tre. Stavo attraversando una crisi di vita importante durante le prime due, e con la terza ero davvero in buona salute ed era quella in cui mi sentivo più presente e non vedo l’ora che lo rifacciamo. Beh, sai, ovviamente quando tutto sarà sicuro, quando le persone si sentiranno a proprio agio. Tutti noi lo amiamo così tanto. È anche una festa per le altre band a bordo, perché facciamo venire i nostri amici che sono in band che abbiamo imparato a conoscere negli anni e tutti quanti fanno letteralmente le vacanze insieme e poi si esibiscono.

Oh wow. Beh, quando le cose torneranno alla normalità, sarà un bel modo per festeggiare.

Sì. Devi venire.

Davvero, lo farò. È stato bello parlare con te. C’è qualcos’altro che vuoi dire sull’album?

Sono onorata di essere ancora qui e di poter pubblicare un altro disco.