Skip to content
Intervista

Hayley Williams per NME: “La rabbia delle donne è stata un catalizzatore di cose bellissime”

La NME trova Hayley Williams in una versione schietta e decisa, mentre riflette sulla morte, sul divorzio e sul suo vulnerabile album da solista Petals For Armor.

El Hunt di NME ha intervistato Hayley Williams riguardo il suo nuovo album da solista Petals for Armor. L’articolo ci presenta alcune foto inedite promozionali scattate dalla direttrice creativa e fotografa dell’album, Lindsey Byrnes. Hayley è sulla cover della seconda settimana di maggio di NME. 

Sotto alcune delle parti più importanti, mentre qui l’articolo originale di NME. 

“Amo i fiori”, dice Hayley Williams. “Sono la più antica metafora della rinascita e della resilienza”.

Come la maggior parte delle persone, Hayley è rintanata in casa a causa dell’isolamento. “Mi piace che la mia casa sembri quella di una nonna inglese, con un grazioso giardino nel quale potrebbe viverci”, dice, facendo fare a NME un tour e mostrando vari mazzi di fiori durante una videochiamata.

I Paramore si sono formati da adolescenti a Franklin, Tennessee, nel 2004, e sono diventati rapidamente i beniamini della scena rock alternativa. E, sì, dietro le quinte i Paramore hanno resistito alla maggior parte delle tempeste. Nel 2009, dopo l’uscita del loro terzo disco ‘Brand New Eyes’, i fratelli Farro – il batterista Zac e il chitarrista solista Josh – hanno drammaticamente lasciato la band, condividendo un’amara dichiarazione di uscita nel processo. Quattro anni dopo, sulla scia del lodato album omonimo del gruppo, il bassista Jeremy Davis se ne andò. Quella stessa estate anche Hayley lasciò la band di nascosto. Per un certo periodo il chitarrista Taylor York fu l’unico membro rimasto nei Paramore. Hayley ha descritto il 2015 come “l’anno peggiore” della sua vita.

“Da fuori, ‘Paramore’ è stato il nostro disco di maggior successo”, dice. “Abbiamo vinto un Grammy per la miglior canzone rock per ‘Ain’t It Fun’ e mi sono fidanzata – tutte queste stronzate follemente fighe stavano accadendo. Ho passato la maggior parte della mia vita a cercare di essere così a prova di proiettile e insensibile”, alza le spalle. “Ho imparato di più diventando piuttosto vulnerabile dopo tutto ciò”.

Con l’album più recente dei Paramore, ‘After Laughter’ del 2017, che ha visto il ritorno di Zac Farro nella band, Hayley ha iniziato ad affrontare quel dolore. I Paramore hanno realizzato un nuovo disco con melodie chiare e testi cupi e schiaccianti.

“Direi che per una buona metà di quell’album, per una buona metà di quell’album, ero davvero in fase di negazione della mia depressione”, dice Hayley. Come se non ne avesse avuto abbastanza, era anche nel bel mezzo di un divorzio da Chad Gilbert, chitarrista della band pop-punk New Found Glory. Il tour di “After Laughter” è diventata un’esperienza intensa e spesso estenuante. “Dio, ci sono state un paio di volte in cui ho pianto a dirotto prima dei concerti”, ammette.

Tuttavia, Hayley ha mantenuto i lati positivi durante quel tour (e ricorda in particolare una sera a Berlino, quando la band e la troupe si sono “radunati intorno a me per farmi superare la notte”, dopo aver annunciato pubblicamente il suo divorzio). “Quello che mi ha sempre stupito – dice – è stato che quando le luci si accendevano – anche se riuscivo ancora a sentire la pesantezza – entrava in gioco la vera gioia. Era una cosa che mi confondeva! Solo ora, col senno di poi, posso capire. Stavo appena iniziando a imparare, come essere umano, una delle lezioni più dure e vitali: imparare a sopportare entrambi gli estremi. Fate spazio al vostro dolore più profondo e alla vostra gioia più luminosa. Tutto questo può accadere insieme”.’

Tre anni fa – lo stesso mese in cui i Paramore hanno pubblicato “After Laughter” – Hayley Williams si è trasferita nel cottage in cui sta parlando con NME da oggi. Voleva ricominciare da capo. “Questa casa era infestata dai pipistrelli, era sporca…” Hayley dice. “Era come me in quel momento”. Ride in modo ironico. “Ha avuto bisogno di molti esorcismi. Avevo comprato [quella casa] perché pensavo: ‘Questa sarà la mia vita, e forse avrò dei figli qui’,” dice. Questo posto, aggiunge, “risuonava molto di più del mio spirito”.

Fuori campo, c’è un disturbo improvviso – Alf si è svegliato. Sembra proprio che Hayley abbia creato il suo santuario, liberata dal peso di ciò che gli altri si aspettavano da lei. “Sì”, annuisce. “Non si trattava di cercare di inserirsi in questo ruolo di chi penso che dovrei essere. C’è più consistenza qui, un po’ più di grinta. C’è qualcosa di cui mi devo prendere cura”.

“Quello che il nostro corpo fa per natura è barbaro”, sottolinea. “Avere una personalità dolce e sicura per le persone? Questa non è femminilità. La femminilità è molto più pericolosa”. Lei sorride. “Vivo per quella parte”.

Hayley aggiunge che un racconto popolare francese chiamato Barbablù “mi ha cambiato la vita”. Il racconto riguarda una giovane donna che è stata sposata con un uomo che la controlla. Disobbedendogli, lei gli apre una porta proibita in casa. All’interno di questa stanza fiabesca, trova la verità raccapricciante: Barbablù ha ucciso tutte le sue precedenti mogli. Lei è la prossima. E così, con l’aiuto delle sue sorelle, uccide lui ed eredita il suo castello. La storia è un allegorico richiamo a mettere in discussione e a disobbedire alle regole patriarcali.

“Barbablù ha cambiato tutta la mia percezione del perché ho dovuto lasciare una situazione di tossicità”, spiega, “e perché dovevo capire da dove veniva la mia voce – come suonava, che sapore aveva. Alla gente non piacciono molto le donne arrabbiate. Ma le donne arrabbiate hanno portato un cambiamento meraviglioso per la società. Viene giudicata così rapidamente, ma la rabbia delle donne è stata un catalizzatore di cose bellissime, e non ha bisogno di essere descritta come mostruosa”.

Riferendosi al successo del 2004 di Gwen Stefani, ammette Hayley: “Quello che pensavo che la gente avrebbe previsto [dal mio lavoro da solista] era un’altra ‘Hollaback Girl’. Per essere davvero sincera – e non lo intendo in modo offensivo – non volevo davvero essere come Gwen. Sentivo molta ansia per… la gente vuole un disco pop pazzesco? E se non fosse così, e fosse una delusione? Quando ho finito per scrivere alcune canzoni più pop e dance come ‘Dead Horse’, è stato come: ‘Oh me*da – sto diventando commerciale?

Per finire, dice, prova trepidazione nel rilasciare musica sotto il suo stesso nome: “In ogni caso, sembra che non si possa vincere perché la posizione in cui molte donne sono messe in questo settore è che non si riesce a convincere tutti del tipo di artista sei. Devi solo uscire e esserlo”.

E così, invece di scrivere un grande disco pop, si è ispirata ad artisti che l’hanno fatta innamorare della musica in primo luogo. Williams ha vissuto in Mississippi fino all’età di 13 anni. I suoi genitori divorziarono quando lei era giovane e si trasferì in Tennessee dopo la rottura del secondo matrimonio della madre. “C’è una parte della mia vita che spesso dimentico, perché era avvolta in un sacco di cose non buone”, dice. “Mi piaceva ascoltare R&B e soul: Missy Elliott, Erykah Badu, TLC. Sono stata ispirata da loro anche se sapevo che la mia realtà era molto diversa”, dice.

“È interessante avere 31 anni, e aver scritto tutte queste canzoni attingendo a quel pozzo”, osserva. “Ricordo di aver camminato in Good Vibrations, un negozio di dischi in Mississippi, con mio padre quando avevo circa otto anni. Sentii Sade per la prima volta e quel momento non mi ha mai lasciato. Le scanalature di Sade sono così sexy, ma sono dure: c’era un’evidente natura femminile, ma c’erano anche i denti”.

E per approfondire, Hayley è anche “onorata” quando artisti che non sono per niente come i Paramore citano la sua band come un’influenza. In particolare, l’amore del rapper Lil Uzi Vert per il gruppo “significa molto per me”, dice. “Anch’io sono ispirata da band e artisti che non hanno nulla a che vedere con i Paramore, e questo va a finire nel brodo che ci rende ciò che siamo”.

Il pepato ma candido “Dead Horse” mette a nudo le cose, facendo riferimento alla relazione che ha dato il via alla lunga relazione quasi decennale di Hayley con Gilbert. “Ho avuto quello che mi meritavo / sono stata l’altra donna per prima”, canta. Per un po’ Hayley ha esitato ad essere così brutalmente onesta.

“Non volevo scrivere del mio passato in quel modo”, ammette, “davvero non volevo. Non ho mai avuto problemi a cantare delle cose che mi fanno arrabbiare. L’ho fatto con i Paramore per tutta la nostra carriera, ma ho imparato ad articolarlo in modi diversi man mano che crescevamo”.

Spingersi in un territorio scomodo, tuttavia, ha portato a una svolta. “La mia angoscia e la mia rabbia sono state uno strato protettivo per la tristezza e la vergogna più morbida che provo”, dice. “Dead Horse” è arrivato subito dopo aver strappato l’ultimo cerotto. Si trattava di trovare questa lava gorgogliante sotto una pietra dura. Era come dissotterrare delle ossa. Mi sembra che sia stata la versione ventenne di me a scrivere quella canzone. L’ho messa a tacere per molto tempo e l’ho coperta di angoscia. Avevo bisogno di tirar fuori un po’ di quella me*da; una scheggia di vergogna doveva essere tirata via”.

“Ora sto facendo questo progetto che è così radicato nella mia scoperta della mia stessa femminilità. Ho voglia di dare alla gente una pausa per riflettere sul motivo per cui scegliere di ritirare Misery Business è stato il primo passo. Siamo cresciuti in una scena così divertente, ma non credo che molte delle ragazze si siano rese conto di ciò di cui eravamo inondate giorno dopo giorno. Non odio nessuno per questo, ne facevo parte. Voglio solo lasciarmela alle spalle”.

“Quando vado alla pagina Spotify dei Paramore e guardo la sezione ‘Ai fan piace anche’, non mi relaziono con nessuno degli artisti”, dice. “Non è una mancanza di rispetto. Molte di quelle persone che conosco e con cui sono cresciuta. E’ più tipo: “Oh wow, non abbiamo mai fatto niente che suonasse così”.

“Abbiamo pensato [al prossimo album dei Paramore]”, spiega. “Taylor ha menzionato cose come: “Oddio, mi mancano le chitarre”. Ci siamo ritrovati ad ascoltare molta musica più vecchia a cui siamo cresciuti ispirandoci. A me e a T piaceva roba che suonava un po’ più squallida: The Rapture, Yeah Yeah Yeahs. Tutti e tre amavamo “Songs For The Deaf” dei Queens Of The Stone Age”.

Il suono della chitarra allontanerà il nuovo album dei Paramore da ‘After Laughter’. “È tipo l’estate e l’inverno”, dice Hayley. “Quando è inverno non vedi l’ora di sudare, e d’estate dici: ‘Ca*zo – ‘Odio questa cosa! Dopo aver fatto ‘After ‘Laughter è come dire: ‘Ok, l’abbiamo provato e ci sta benissimo. Ora vediamo cos’altro possiamo fare per mandare tutto a put*ane’. Quell’eccitazione e quella curiosità che ci mantengono una band. Non lasceremo che accada a meno che non pensiamo che sia la cosa più bella del mondo, voglio dire, i Paramore sono la mia band preferita. Come oso rovinarla?”

Forse inevitabilmente, questo la porta a riflettere sulla dinamica mutevole dei Paramore nel corso degli anni: “Dio, invecchiare è una cosa così strana. È molto bello poter crescere con questi ragazzi. Abbiamo fatto casini a lungo e ci siamo resi la vita impossibile per un certo periodo, ma ci rendiamo persone migliori l’uno con l’altro. Sono entusiasta”.