Skip to content
Hayley Williams

Hayley Williams visita gli studi di SiriusXM a New York

Hayley Williams ha visitato gli studi di SiriusXM a New York per rilasciare una intervista esclusiva su Petals for Armor.

Ieri Hayley Williams si trovava a New York per visitare gli studi di SiriusXM, una società di radiodiffusione americana. L’hanno invitata durante il programma SiriusXM VOLUME per rilasciare una intervista, nella quale han parlato di salute mentale, Petals for Armor 1 e Cinnamon

Hayley ha raccontato che, vista la sua impazienza, ha deciso di dividere Petals for Armor in più parti. Quando i Paramore dovevano rilasciare un album, rimanevano fermi senza far nulla per mesi e mesi. Ha pensato che fosse bello “poter far vivere alle persone quello che io ho vissuto nella mia vita, in ordine progressivo. In questo modo le persone possono anche metabolizzare le canzoni. Ora che le canzoni sono uscire, c’è un momento di pausa dove possiamo godercele“. Sapeva che c’era qualcosa che non andava dal momento che han finito After Laughter. La cantante si è ritrovata a scrivere canzoni di nuovo quasi subito e, racconta, che di solito non accade così velocemente. “Mi sentivo davvero arrabbiata a causa di quello che provavo e quello che avevo vissuto. Ho scoperto che la mia depressione era in verità rabbia che ho rivolto verso me stessa. Sapevo di essere arrabbiata, e non sapevo a quel tempo che sarebbe uscita in questo modo, ma è stato molto d’aiuto.”

Con i Paramore sapevamo che volevamo prenderci una pausa. Facciamo musica insieme dal 2003, senza pause. Invece di ucciderci a vicenda una volta finita l’era di After Laughter, abbiamo deciso di fermarci un attimo e prenderci il nostro tempo“, dice Hayley. “Il nostro manager ci diceva spesso che dovevamo imparare a comunicare tra di noi. Lo abbiamo capito nel 2017, infatti gli abbiamo scritto per dirgli che aveva ragione. Un giorno Taylor, che non ha mai lasciato la band, è venuto da noi durante After Laughter per dirci che aveva bisogno di una pausa. In quel momento ho sentito che anche io ne avevo bisogno di una: stavo affrontando un divorzio, stavamo sempre alla carica, con le promozioni dell’album, concerti e tutto quanto. Quando mi sono accorta che stavo scrivendo più di una canzone, mi son detta “Oooh, quindi sto creando qualcosa di concreto” e non fa parte dei Paramore.” 

Ho iniziato a scrivere nel gennaio 2019. Avevo appena compiuto 30 anni, anno che ho sentito tantissimo perché ero pronta a lasciare i miei venti. Ero pronta ad iniziare un nuovo decennio. Quando alcune canzoni di After Laughter sono uscite, dicevo costantemente al mio corpo “puoi farcela, dobbiamo andare avanti”, quindi appena ci prendevamo un momento di pausa tutto mi tornava contro.

Cosa c’è stato di diverso nel processo di creare un album da sola rispetto a quello di farne uno con la band? Sicuramente la quantità di sperimentazioni che ha potuto fare in studio, spiega Hayley. “Sono la più grande fan dei Paramore, è stato il mio primo amore. Sono in una band con due persone che sono molto talentuose. Sono una grande fan di Taylor e Zac. Quando facciamo un album dei Paramore, gli lascio il loro spazio per fare le loro cose mentre io faccio la mia parte. Per Petals for Armor era tutto diverso, sapevo che dovevo fare delle cose che non mi facevano sentire sicura, provarne altre che non avevo mai fatto. Volevo, però, che le persone sentissero che volevo provare altri colori, metterne altri nella mia palette. Tutto si è costruito attorno alla mia voce, è stato molto divertente usare la mia voce come strumento principale.

Sono sempre stata spaventata di perdere parte della famiglia. I miei genitori mi hanno avuta molto giovane, la famiglia di mio padre mi ha cresciuta ma la mamma di mia mamma è caduta in un modo terribile alla fine del 2018. Condividiamo la stessa data di nascita, e ciò è accaduto il giorno dopo il nostro compleanno. Andavo a visitarla ed era sempre così allegra, ogni conversazione che avevo con lei era divertente. Ora dopo questo incidente non è più presente. Quando andiamo a visitarla dice il mio nome e ancora si ricorda di me, ma per un po’ non sapeva chi fossi. Sappiamo che non è la stessa, ma è ancora qui.“, racconta Hayley. 

La prima volta che ho iniziato a pensare alla depressione è stato dopo aver letto una recensione di After Laughter dal diceva “Questo è il più felice album riguardo la depressione che io abbia mai sentito”. E io non capivo come mai dicessero che era riguardo la depressione perché io stavo solo parlando di momenti brutti della mai vita. Un anno e mezzo dopo sono stata diagnosticata con depressione da un dottore di cui mi fido molto. Accettarlo mi ha aiutato molto.”

Ma quindi cosa succede nei video musicali?“, chiede l’intervistatore. “Uno dei momenti migliori per me, amante dei film horror, è guardare Midsommar. La cosa che amo più di quel film è che è così intrippante e così spaventoso che alcune persone non vorrebbero mai andare in quel posto. Trasformiamo la nostra vita in incubi composti da voci e ombre. Non voglio spiegare troppo i video perché mi piace che i fan diano le loro interpretazioni, ma l’unica cosa che posso dire è che ho cercato di unire tutte le parti di me in una sola versione, cosa che non ho mai fatto prima.”

Ascolta Petals for Armor 1 su Spotify, Apple Music e SoundCloud